RETE4 AA


RETE4 "DRITTO E ROVESCIO" - I PROBLEMI DEL SETTORE PALESTRE CON LA CHIUSURA - 29 ottobre 2020

di Antonella Lizza 

La parola è stata data sopratutto ai politici e quindi poco spazio ai nostri interventi.
Ecco cosa Vogliamo dire:

E' GIA' GRAVE LA CHIUSURA DI UN MESE
MA LA REALTA' E' CHE QUESTA CRISI SI AGGIUNGE ALLA ENORME PERDITA INIZIATA L'8 MARZO
E NON RECUPERATA,
PERCHE' DAL 25 MAGGIO SI LAVORA SOLO PER SANARE DEBITI CON TANTE DIFFICOLTA'


DECRETO RISTORO
I problemi di chi gestisce palestre e centri sportivi in perdita dal 25 maggio non sono sanati con il decreto Ristoro perchè le risorse offerte sono inique rispetto il costo della vita e i costi di gestione .

600-800 euro per un collaboratore sportivo che fa questo come lavoro esclusivo quando già solo l'affitto di casa costa di più?
stessa cifra per una ASD/SSD che ha costi di gestione molto più alti? (attualmente 600 euro una palestra le spende solo per carta per certificazioni, gel, stracci per pulire...)

Il settore economico diretto sta morendo, quello indiretto anche ....finito il periodo di chiusura dove andranno a lavorare gli istruttori se le palestre falliscono?

IL RISCHIO
Dal 18 al 24 ottobre ci sono stati innumerevoli controlli, nessuno ha rilevato irregolarità.
I controlli si basano su misure molto dettagliate studiate proprio con il CTS! e applicate sin dal 25 maggio, quindi hanno giudicato "sicure" e "obbligatorie" queste prescrizioni.
Con il clima di paura generale che si respira, chiudendo sempre le palestre che messaggio viene veicolata agli utenti?...attenzione non ci andate...sic.... 
Il fitness è il primo a essere proibito ma il fitness è la migliore pratica alla portata di tutti per educare alla salute, per rafforzare organismo e difese immunitarie, per stili di vita antiage, per contrastare solitudine - ansia - depressione

L'AGGREGAZIONE
E' stato detto chiaramente che l'attuale DPCM mira a frenare i fenomeni di aggregazione considerati "pericolosi" come probabilità di contagio....
- stare a 2 mt in palestra in ambiente sanificato continuamente è piu rischioso di un assembramento quotidiano in metropolitane e autobus?
- i ragazzi che non possono fare sport non avendo alternative si incontrano per strada (non c'è bisogno di locali, ristoranti e bar che tanto sono chiusi....gli basta una passeggiata in 4 amici)... distanza e mascherina per strada, distanza e mascherina in palestra ma non è meglio se fanno una attività sana e divertente?
- lo sport all'aperto si, lo sport al chiuso no...... quindi le pareti costituiscono il rischio aggregazione?

In un momento sanitario cosi delicato è necessaria chiarezza estrema su cosa aumenta il rischio:
- lo stare al chiuso? allora i supermercati devono essere trasferiti nei parchi
- la vicinanza? allora lo sport si puo fare ovunque basta che le persone rispettano i mt. prescritti
- la socializzazione? ma l'essere umano è un Animale Sociale, ad ogni età il relazionarsi ha una funzione biologicamente definita.
Si crea un clima di paura dove incontrare chiunque, anche parenti se non conviventi, è vissuto con ansia e remore....ed è provato che l'ansia e lo stress continuo colpisce il sistema nervoso, la funzione del nervo valgo che collega cervello e recettori emozionali collocati nell'intestino e quindi disbiosi e abbattimento delle difese immunitarie.

- SENTIRSI SOLI FA AMMALARE

- NON AVERE SOLDI PER VIVERE FA AMMALARE

- NON POTER SPERARE IN UN FUTURO SERENO FA AMMALARE

#PROTOCOLLO #PALESTRE #PISCINE #NOCOVID19 #PALESTRESICURE #SALUTE #BENESSERE #safety #economia #valoresociale #futuro

 

 RETE4 D RETE4 E RETE4 C

RETE4 B RETE4 A

SOCIAL

Facebook

SEARCH

ACSI

logo ente nuovo coni

HEALTH & BEAUTY TV

HEALTH BEAUTY black background fucsia

TRAINER ONLINE

cuorePesi

GARE BODYBUILDING E FITNESS

logoFitnessFactoryTeam

EMOTIONAL FITNESS

COVER small

SUPPLEMENTS

banner web

Image Caption

E_BOOK FITNESS

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy .
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.