luglioALLENARSI A CASA PER METTERSI INFORMA

Questo programma di  allenamento di 4 settimane è adatto per chi non può andare in palestra e vuole ritrovare in modo rapido una buona forma fisica, non c’è differenza tra uomo e donna nella scelta degli esercizi ma nei carichi da sollevare si.
Come ogni programma  sarebbe buona pratica farsi assistere da un istruttore per verificare se l’esecuzione dei movimenti sia corretta o se non esistano problemi individuali specifici che richiedono una diversa modalità di allenamento; tuttavia quando ci si allena a casa questo non è possibile, a meno che non prenda un istruttore personale. Spero che le spiegazioni siano le più chiare possibili. Agli appassionati dell’home fitness consiglio anche le mie lezioni web sul canale THE BODY di www.itvrome.it.
Il programma prevede sia ESERCIZI di tonificazione che attività aerobica  per la funzionalità cardio vascolare, da alternare in modo che ogni giorno si fa qualcosa. C’è un “trucco” per l’attività cardiovascolare  non abbiamo bisogno di fermarci durante la giornata ma sfrutteremo in modo atletico  attività quali camminare e ballare, quindi  la scusa di non avere tempo non è plausibile - ricordiamo la regola “motivazione”- perchè abbiamo bisogno solo di tre ore  a settimana da dedicare all’allenamento.

Allenamento  aerobico cardiovascolare

Scegliamo tre giorni della settimana, io consiglio martedi, giovedi e sabato.
In questi giorni l’unico compito è di fare 30 MINUTI CONSECUTIVI   di una attività che utilizzi in modo fondamentale i grandi arti: marciare, ballare, saltellare, correre, andare in bicicletta e simili.
Importantissimo non fermarsi per 30 minuti altrimenti il cuore non prende il giusto ritmo; altrettanto importante che le gambe , i muscoli più grandi e potenti che abbiamo, siano quelle che faticano per farci muovere e portare il cuore a aumentare battiti.
Se nel fine settimana siete soliti andare in discoteca, ballare salsa, esibirvi nel tango o nel flamenco uno dei vostri giorni di allenamento per il cuore lo avete già fatto.
Altrimenti potreste ballare da soli dentro casa (attenzione a non farlo nudi con le finestre aperte e le persone del palazzo di fronte a guardare!!), oppure, se il ballo non è la vostra passione, la cosa più semplice è camminare a passo sostenuto, quello che gli americani chiamano  “walking”.
Si cammina con passi spediti, poggiando tutta la pianta del piede a partire dal tallone , busto eretto ma non rigido, torace aperto ma spalle rilassate. Le braccia lungo i fianchi a seguire in modo fluido lo scandire dei passi, va bene nella pausa pranzo, per fare shopping, andando a lavoro, ecc

Leggi tutto...

periodizationTroppo spesso nello sport sia a livello professionistico che amatoriale, non viene data la giusta rilevanza , se non del tutto tralasciata, l’ importanza del periodo di scarico, come una parte fondamentale dell’allenamento.

 In risposta ad una fase di eccessivo stress il nostro cervello manda in circolo il cortisolo, conosciuto appunto come ormone dello stress, che non puo’ essere smaltito in breve tempo, accumulandosi cosi’ nel nostro corpo con effetti dannosi.

Un allenamento troppo lungo, troppo frequente o troppo intenso produce cortisolo che sommato a quello della vita sociale rallenta in modo significativo la crescita di massa magra, aumenta la suscettibilità ad infezioni e malattie, causa un peggioramento della prestazione, diminuisce la forza, demotiva, aumenta la frequenza cardiaca a riposo, disturba la qualità del sonno, crea instabilità emotiva e comportamentale. Ecco perché bisogna cercare si di stimolare adeguatamente il nostro fisico con l’allenamento, ma andranno ottimizzati i fattori per impedire il repentino aumento del corticosteroide.

Leggi tutto...

corso AssistenteAllenatoreCORSO QUALIFICA ASSISTENTE ALLENATORE
25-26 giugno 2016 - ROMA

Punto di partenza per chi vuole lavorare nel campo sportivo e fitness, secondo le indicazioni SNaQ CONI che prevede progressioni di qualifica professionale su 3 livelli

Consente di lavorare come assistente (affiancando un tecnico nazionale) in più discipline e contesti : sala pesi, sport di squadra, ginnastica funzionale, sport combattimento. E' necessario avere almeno 2 anni di pratica nella disciplina scelta.

16 ore di teoria su aspetti basilari:apparato cardiocircolatorio; sistema muscolare; vie metaboliche; capacità condizionali e coordinative sistema osteoarticolare; le leve; postura corretta e prevenzione; i piani del movimento; terminologia anatomico - funzionale e didattica; normative e profilo professionale dell’istruttore; linee guida per insegnare il fitness; rapporto con il cliente: obiettivi personali e competenze relazionali; principi generali dell’allenamento; elementi di nutrizione per il benessere e lo sport

PER OTTENERE ATTESTATO QUALIFICA "ASSISTENTE ALLENATORE" è NECESSARIO SOSTENERE ESAME FINALE (la quota comprende anche esame e Tesserino Tecnico Nazionale)

iL  corso è valido per certificazione 1 liv. istruttore BB e Personal Trainer

 

Qualifica Us Acli - Coni valida a tutti gli effetti legali e fiscali (http://www.fitness-factory.it/il-sistema-dei-livelli-e-qual…)

Leggi tutto...

FORMAZIONE WDFUNCTIONALWD FUNCTIONAL una vera bomba  già presentata lo scorso mese alla FIBO in Germania e ora pronta ad esplodere alla prossima Fera del Fitness a Rimini.
Acronimo di WELLNESS DYNAMIC FUNCTIONAL è una novità mondiale assoluta ANAEROBICA , MUSCOLARE ed ESTETICA che applica i piu' efficaci e tradizionali programmi ed esercizi di body building indossando uno speciale kit (Cintura + polsiere) con zavorre modulabili, senza alterare il baricentro o dover pensare ad impugnare attrezzature complicate. I risultati sono sia ESTETICI in quanto dal punto di vista muscolare si ottiene una evidente TONIFICAZIONE, DEFINIZIONE e SIMMETRIA MUSCOLARE che PSICOLOGICI.
Gli allenamenti di WD® Functional e di WD® Water Functional rientrano nelle attività ANAEROBICHE (alattacide o lattacide), MUSCOLARI (sviluppo muscolare e prevenzione della sarcopenia), ESTETICHE e FUNZIONALI poiché, durante ogni workout vengono allenate sia le fibre muscolari bianche (veloci) che rosse (lente), con evidenti risultati sull’accelerazione del METABOLISMO BASALE (per effetto della supercompensazione), sull’efficienza del sistema CARDIO CIRCOLATORIO ed OSSEO (prevenzione dell’osteoporosi).

Leggi tutto...

aprile

A novembre del 2014 partecipai a una conferenza  presso l’Ufficio Stampa della Camera dei Deputati per la presentazione di un disegno di Legge a favore del professionismo sportivo femminile; principalmente la proposta coinvolgeva il settore del calcio, ma sono state invitate esponenti di varie discipline, particolarmente quelle dove sono più radicati i pregiudizi di “non femminilità” , cioè esempio il rugby e il bodybuilding.
Nonostante dal 1981 siano stati fatti tentativi di ottenere a livello normativo  una equiparazione tra uomini e donne, ancora oggi la legge non lo permette e ancor peggio si evidenzia una profonda arretratezza culturale rispetto ad altri paesi europei: in tutti i settori sportivi a parità di risultati e livelli conseguiti, le donne sono svantaggiate sia come opportunità economiche, sia come soluzioni pratiche di vita, sia come spazio nelle carriere tecniche, dirigenziali e nei media. Oltretutto pregiudizi e atteggiamenti sessisti anche inconsapevoli sminuiscono il valore del gesto sportivo; le parole delle atlete di ieri sono le stesse delle atlete di oggi:
·   In quegli anni la battaglia era quella di dimostrare che anche le donne potevano, a livello sportivo, essere un fenomeno interessante.   (Sara Simeoni )
·    Il mondo è sempre per l'uomo, gli allenatori sono uomini, gli spettatori anche e noi atlete non dobbiamo solo fare le gare e vincere, dobbiamo anche essere belle. Nessuno guarda se un campione è bello o brutto. Noi invece dobbiamo essere donne nelle vita normale e uomini negli allenamenti e nelle gare.  (Fiona May)  
Preoccupante!  se anche le più famose e riconosciute sentono il peso della differenza di genere cosa succede per tutte quelle  bambine, ragazze e poi donne che vogliono vivere lo sport sia a livello agonistico ma anche solo come attività ludico motoria per tutta la vita?
Quello che si può fare è stato già scritto nel 1985 quando venne presentata la “Carta Europea Dei Diritti Delle Donne Nello Sport “ successivamente  trasformata in “Risoluzione Delle Donne Nello Sport”  dal Parlamento Europeo:

Leggi tutto...

UNIONE SPORTIVA ACLI

LogoUSAcli

FEDERITALIA

banner

SOCIAL

FacebookTwitter

SEARCH

CULTURA FISICA

logo

Image Caption

CORSI US ACLI -ALTA FORMAZIONE FITNESS

Image Caption

PROMOZIONE LIFECODE

Image Caption

TAGARA RILASSA LA MENTE

Image Caption

GLI EBOOK CALENDARIO

SOS TRAINER

cuorePesi

LAVORA CON NOI

supereroi

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy .
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.